martedì 1 gennaio 2008

José Leaci










Tre canzoni da leggere e ascoltare







Per ascoltare in MP3 le canzoni
Intanto fuori piove, Anke e La danza della pioggia:






http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendID=128500505


INTANTO FUORI PIOVE
(testo e musica di Leaci José Luigi Guido)

SONO GESU', SONO DIO
VENGO DALLA GALILEA
PER TRUCCARMI COSI'
CI HANNO MESSO GIORNI
E TU NON GUARDARMI PERCHE'
POTREI SOLLEVARE IL MARE CON LO SGUARDO
HO DETTO IL MARE, NON CI CREDI?
ALLORA SENTI CHE FORZA CHE C'E'
NEI MIEI MUSCOLI DIVINI L'ELETTRICITA'
E' UNA COMPONENTE MISERA MA SERVIRA'
AD ACCENDERE LA FIAMMA NEL TUO CUORE
GUARDO L'OROLOGIO
INTANTO FUORI PIOVE
INTANTO FUORI PIOVE

CERCO UNA DONNA E CHISSA'
CHE NON TOCCHI PROPRIO A TE
QUESTA SERA DI PIU'
POSSO DARTI QUEL CHE VUOI
BASTA CHIEDERE E AVRAI
POTREI REGALARTI IL MARE PER UN BACIO
BASTA CHIEDERE E LA LUNA APPARIRA'
MENTRE IL VENTO STARA' FERMO AD ASPETTARE
CHE IL FUOCO BRUCI DI PIU'
NON SI CORRONO PERICOLI STANDO CON ME
SONO COME UN ESTINTORE
MENTRE RIDI GUARDO L'OROLOGIO
INTANTO FUORI PIOVE
INTANTO FUORI PIOVE
INTANTO FUORI PIOVE


ANKE

ANCHE SE NON SONO PROPRIO L'UOMO DEI TUOI SOGNI
IL PRINCIPE AZZURRO, SE MI MANCA UN REGNO
SE NON HO IL CAVALLO, SE NON SONO BELLO

ANCHE SE NON SO CAPIRE COME TIRA IL VENTO
QUANDO PASSA IL CARRO CON IL VINCITORE
IO NON SO APPLAUDIRE IO NON SO SALIRE

ANCHE SE NON HO IL CORAGGIO DI SCALARE IL MONDO
SE HO CERCATO TANTO CHE MI STO PERDENDO
SE ALLE VOLTE TEMO DI TOCCARE IL FONDO

E ANCHE SE A VOLTE HO PAURA DI PERDERE TE
È COSÌ DIFFICILE CONVINCERTI AD AMARMI?
E BUTTA VIA QUEL PO' DI LOGICA CHE ANCORA CI ALLONTANA
E PROVA A SCEGLIERMI DAVVERO
PROVA A SCEGLIERMI COME IO HO GIÀ SCELTO...TE

ANCHE SE HO PUNTATO TANTO E HO PERDUTO TUTTO
SE HO LE TASCHE PIENE SOLO DI PAROLE
E LA MIA FORTUNA SE N'È ANDATA ALTROVE

ANCHE SE NON CREDO A QUELLI PIENI DI CONSIGLIO
SE NON CREDO A NIENTE, SE NON TI ASSOMIGLIO
E IL MIO CUORE È NERO COME UNO SBADIGLIO

E ANCHE SE A VOLTE HO PAURA DI PERDERE TE
È COSÌ DI FFICILE CONVINCERTI AD AMARMI?
E BUTTA VIA QUEL PO' DI LOGICA CHE ANCORA CI ALLONTANA
E PROVA A SCEGLIERMI DAVVERO
PROVA A SCEGLIERMI COME IO HO GIÀ SCELTO TE


LA DANZA DELLA PIOGGIA

La danza della pioggia…
la danza della pioggia…
la senti sopra i tetti…
senti che graffia i vetri…

la danza della pioggia
il cielo si prepara
al liquido contatto
che brividi la pelle…

Vento sono contento se arriva il vento
se c'è la pioggia solamente m'accontento
e allora vento ancora vento
voglio più vento così sbattono le porte
un po' più forte che mi sorrida
e che raddrizzi queste mie giornate storte
un po' di vento mi basta poco
perché lo ammetto che la vita è solo un gioco
mi metto a correre e la vita è solo un gioco

Vento corro contento le spalle al vento
e con il cuore appena appena in contro- tempo
e sento l'acqua sulla mia schiena
mentre il naviglio piano piano cambia scena
ed io lo guardo commosso appena
sentendo l'acqua che alle chiuse si scatena
e l'acqua delle chiuse sembra un fiume in piena
e sul naviglio l'acqua sembra un fiume in piena


Biografia

Ho cominciato a scrivere canzoni a 13 anni, per imitazione. A diciotto anni ho iniziato a comporre seguendo il mio solo gusto e, ancor oggi, sono in evoluzione.
Ho frequentato il corso per autori presso la scuola di Mogol, un corso di scrittura creativa pubblicitaria, ho scritto recensioni cinematografiche per Filmaker’s Magazine e per Icine.it, il sito internet della medesima rivista.
Ho scritto recensioni musicali per una webradio (Radiofficina) che promuove talenti emergenti. Al premio letterario internazionale “Alla luce delle Mainarde”, edizione 2006, mi è stata conferita una menzione speciale per il racconto “Gatti”.
Con due ragazzi romani provenienti dalla musica dance, ho creato un gruppo con due demo all’attivo ed un repertorio di 30 canzoni, ho messo sonorità elettroniche ai miei brani cantautoriali nati “chitarra e voce” e da due anni partecipiamo a concorsi musicali nazionali. Abbiamo un sito internet ed un blog: www.retage.com www.myspace.com/retage dove si posso ascoltare quasi tutte le canzoni e leggere i testi relativi.


Poetica

Sincerità, fretta, bisogno, illusione, ironia, solitudine e ritmo.
Sono un inventore di storie ma sarei stato un regista fulminante perché credo nell’inquadratura storta.
L’arte è un occhio sul mondo, un po’ di riguardo verso i fatti di ogni giorno
che scivolano via senza alcun clamore.
Scrivo per fotografare il quotidiano e, a volte, urlo un’idea in una canzone perché il messaggio prenda peso, forma e sostanza e diventi più importante, spero illuminante, per chi ha l’orecchio buono ma fa finta di non sentire nulla.
Scrivo per raccontare ciò che mi prende in pieno e ciò che mi sfiora, per capire cosa è successo ogni volta e, ogni volta, crescere.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

cia sono un compagno di tua nipote laura leaci...sei messo male

Anonimo ha detto...

Ora ho capito dove è andata a finire tutta la "roba" che non trovo più..